QUI LONDRA.
Grandissima partita quella giocata dal Milan contro il Chievo, abbiamo messo in campo un gioco al limite della perfezione, muovendo la palla velocemente e soprattutto giocando sempre ad un tocco, massimo due trovando sempre un uomo libero.
Bene così perché la Juve sta facendo un grandissimo campionato diretta da Antonio Conte, a mio parere un signor allenatore.

La partita di mercoledì col Barcellona invece ci ha fatto capire molte cose.
Primo, che tra noi e loro il divario è ancora ampio, potevano fare sette-otto gol e sono del parere che una squadra come il Milan non deve mai essere felice per una sconfitta ma in questo caso è la prestazione che  va analizzata.
Detto che loro potevano segnare molti gol è anche vero che il loro rigore era inesistente e che anche noi le nostre occasioni le abbiamo avute.
A far ben sperare è però il cambio di mentalità della squadra rispetto alla gara col Tottenham dello scorso anno, dove ci presentammo a San Siro molto timorosi.
Penso che Allegri abbia capito la lezione e cioè che il Milan è una squadra che se vuole vincere deve fare la partita cercando di giocarsela a viso aperto imponendo il proprio gioco.
Ci sta poi che l’avversario sia migliore di te ma non tutti gli avversari si chiameranno Barcellona e quindi resto molto fiducioso.

Weekend calcistico inglese scioccato dalla morte di Gary Speed.
L’attuale commissario tecnico della nazionale gallese è stato trovato impiccato dalla moglie nella sua abitazione.
Gary aveva 42 anni e alle spalle 500 presenze nei campionati inglesi, ha vestito le maglie di Leeds, Everton , Newcastle, Bolton e Sheffield United.
La sua decisione di togliersi la vita è stata inaspettata, fino al giorno prima era stato ospite di un programma televisivo apparentemente molto allegro e chi lo aveva sentito nelle ore e nei giorni precedenti lo aveva trovato scherzoso e di buon umore.
In questi casi il pensiero va sempre alle persone colpite dal dolore, ovvero la moglie  e i due figli.

I tabloid inglesi stanno parlando di noi anche riguardo ad una possibile cessione di Tevez in prestito con diritto di riscatto.
A dire il vero quest’opzione è quella che mette sul piatto il Milan, mentre i cityzens lo darebbero si in prestito, ma con obbligo di riscatto. La juve e soprattutto l’inter sono alla finestra.
Molto strano questo cambio di direzione del Milan abituato al joga bonito dei brasiliani e sempre scettico nel sondare  il mercato argentino.
Con l’acquisto de “el machado” andremmo a prendere il più selvaggio degli albiceleste con la speranza che non si scontri con la folta colonia brasiliana.
Detto questo a mio parere Carlitos è un giocatore eccezionale, uno di quelli che sposterebbe gli equilibri là davanti e che costringerà a molte panchine Pato e Robinho.
A dire il vero con l’arretramento quasi da rifinitore di Ibra a noi servirebbe più un giocatore alla Drogba ma Tevez ha grande fiuto del gol e con Ibra potrebbe trovarsi a meraviglia. Ora la palla passa a Galliani…

Speak soon!
MD in all World's language
 
MD in your language
MD em sua língua
MD dans ta langue
MD en su lengua
MD in Ihrer Sprache
MD 在您的語言
MD in uw taal
MD στη γλώσσα σας
あなたの言語の MD
당신의 언어에 있는 MD
MD в вашем языке
MD i ditt språk

Pubblicitá
 
MD Network
 


MD on YouTube
Grazie della visita
 
 
Oggi ci sono stati già 7 visitatori (93 hits) qui!
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=