Appunti sul Catania
di Massimo Bambara
Quella di domenica, oltre ad essere l'ultima gara del ciclo di partite iniziato a metà ottobre, risulta essere anche la più difficile e complicata.

Il Catania infatti è una signora squadra, ha un'organico di buon livello, alcuni giocatori di eccellenza in ruoli chiave.

L'errore da non commettere contro gli uomini di Montella è quello di attaccare a testa bassa e senza costrutto. Il Catania infatti è molto forte nelle ripartenze, avendo un giocatore, Gomez, che ha un baricentro basso e che in velocità è difficile da fermare.

La difesa siciliana ormai è a 5 uomini, con 3 centrali molto forti sulla posizione, in difficoltà solo quando non adeguatamente protetti dal centrocampo.

Non è semplicissimo fare il primo gol al Catania.

Nella partita Fiorentina Catania di 2 settimane fa, il primo gol di Jovetic nasce da una palla recuperata a centrocampo (forse con un fallo) e da una verticalizzazione immediata di Montolivo. Jovetic, che ha grande qualità, ha potuto sfruttare la staticità dei 3 centrali, restii ad uscire su una palla scoperta, per far esplodere il suo destro e portare in vantaggio la Fiorentina.

A difesa schierata far gol al Catania è molto più difficile invece, perchè gli uomini di Montella hanno una buona cultura difensiva, difendono con tutti gli uomini ed hanno in Lodi in mezzo al campo uno splendido esemplare di regista basso, capace col suo mancino di innescare repentinamente un'azione di ripartenza.

Sui corner per loro dovremo fare molta attenzione. Spolli, Legrottaglie, Delvecchio e Bergessio son tutti saltatori di grande livello, gente che si sa muovere in area e che sa avere la giusta malizia e la necessaria cattiveria.

Personalmente opterei per uno schieramento seminedito: un 4-1-4-1 con Ambro davanti alla difesa, Robinho, Aquilani, Seedorf ed El Shaarawy dietro Ibra. Ossia 5 giocatori pronti a ripiegare dietro la linea della palla in non possesso, ma anche un centrocampo di gente brava ad inserirsi senza palla quando attacchiamo appoggiandoci su Ibra.

Credo che, considerati i limiti e le qualità del Catania, sarebbe senza dubbio la formazione migliore.

Di base comunque, al di là dei numeri, conterà molto l'interpretazione della gara, peserà molto la scelta del terzino sinistro (deputato a tenere l'uno contro uno con Gomez), le distanze fra i reparti quando perdiamo palla e la condizione fisica di Ibra, vero e proprio apriscatole di certe difese
MD in all World's language
 
MD in your language
MD em sua língua
MD dans ta langue
MD en su lengua
MD in Ihrer Sprache
MD 在您的語言
MD in uw taal
MD στη γλώσσα σας
あなたの言語の MD
당신의 언어에 있는 MD
MD в вашем языке
MD i ditt språk

Pubblicitá
 
MD Network
 


MD on YouTube
Grazie della visita
 
 
Oggi ci sono stati già 17 visitatori (25 hits) qui!
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=