07.05.11 Roma-Milan

il POST di Marco Brucculeri

milan-roma

(clicca l'immagine per ingrandirla)

Eccolo finalmente!

Il fischio finale al 95' di Roma-Milan fa gridare fino a rimanere senza voce ogni tifoso rossonero. Campioni d'Italia, Campioni d'Italia ! E' appena iniziata la festa rossonera e gli occhi sono già pieni di tante immagini a colorare questa notte. La voce ormai debole per i canti di gioia si perde nei colori e suoni di milioni di bandiere pronte a colorare tutta l'Italia di rossonero.

Tutta la tensione di questo Roma-Milan si infrange in uno scoppio di gioia e poco importa ora una qualsiasi analisi di quanto successo nei novantacinque lunghissimi minuti di questa serata romana.

Ora è tempo di correre, di gioire, di trasformare ogni balcone nella cosa più bella del mondo. Piazza Duomo è gremita. I fuochi d'artificio scoppiano e ricadono su mille risate e abbracci di chi sta colorando ogni piazza d'Italia. L'Italia è nostra! Contro tutto, contro tutti, il Milan vince il primo vero campionato giocato da calciopoli in poi. Erano tante le squadre che si erano rinforzate per arrivare a vincere questo scudetto. Proprio in un campionato così livellato verso l'alto, era da anni che non si vedeva una squadra trionfare a tre giornate dalla fine.

C'era chi sperava in improbabili rimonte o sperava di veder cadere il Milan del Presidente Berlusconi. Ora però sono tutti dietro, tutti a vedere il 18 che ci siamo cuciti sulle spalle ed a inseguire quello scudetto che ci siamo legati al petto. Lo spumante corre a fiumi, il Presidente in collegamento telefonico nei vari canali sportivi annuncia la ferma volontà di rafforzare ulteriormente la squadra neo campione d'Italia e nel frattempo i nostri ragazzi festeggiano tra il prato dell'Olimpico e gli spogliatoi. Che bello essere milanisti, che bello andare a dormire questa notte, che bello aspettare ora la semifinale di coppa Italia contro il Palermo di martedi sera e la festa scudetto a casa nostra, domenica prossima contro il Cagliari.

Buonanotte a tutti noi, tifosi campioni d'Italia, buonanotte a chi è capace di legare ancora e sempre più alla propria vita questo sogno chiamato Milan

 

il PRE di Marco Rizzo

ROMA-MILAN

(clicca l'immagine per ingrandirla)

Ci siamo. Siamo al match ball.
E' il week end decisivo. Il Milan potrebbe essere campione persino perdendo.
Il Milan di scena a Roma, l’Inter in casa con la Fiorentina.
Un punto, solo uno, ci separa dal sogno.

Ma non è ancora tempo di bilanci.
Solo quando la matematica ce lo consentirà e la stagione sarà finita, allora si che potremo dedicarci ai bilanci.
Ora no. Ora bisogna pensare alla doppia sfida Roma-Palermo.

Si perché c’è anche la Coppa Italia per finire una stagione in gloria.
E quindi niente feste, niente giri di pullman. In ogni caso la squadra resterà a Roma, concentrata su Palermo.
Ora la Roma.

Una Roma, quella di Montella, che ha recuperato punti e posizioni ed ora si trova ad un punto dalla Lazio e dalla Champions League.
Quindi si dovrà giocare la partita alla morte.
Ma quest’anno la squadra di Allegri ha dimostrato che in Italia non teme nessuno e in pochi sono riusciti a fermarla.

Una sfida, quella tra i giallorossi e i rossoneri all’Olimpico, che vede tanti precedenti.

Il Milan addirittura non vince dal 2005.
Allora era il Milan di Ancelotti che si impose per 2-0 con gol di Crespo e Pirlo, entrambi nel secondo tempo.
Era un Milan forte, che si giocava lo scudetto (impossibile da vincere, stando a quello che dichiara in questi giorni il PM Narducci nel processo di Napoli, ma non è questa la sede giusta per parlarne) e che di li a poco sarebbe andato a Istanbul a giocarsi la finale di Champions.
Da li poi, più nulla: 2 vittorie giallorosse (1-0 e 2-1) e 3 pareggi (0-0, 2-2 e 1-1).
L’ultimo confronto tra le due compagini è stato quello dello scorso anno, quando le squadre di Leonardo e Ranieri, pareggiarono per 0-0 una gara che il Milan dominò.
Dunque un tabu da sfatare.
Tornare a fare risultato all’Olimpico.
E non bisogna accontentarsi del punticino che ci da la matematica. Il Milan ha dimostrato di avere fame, di non guardare in faccia nessuno e di poter vincere dovunque.
Ed è a questo che deve puntare : vincere.

Vediamo quelle che possono essere le formazioni delle due squadre.
Partiamo da Vincenzo Montella.
L’ex attaccante giallorosso dovrò fronteggiare tre assenze importanti : Perrotta e De Rossi saranno squalificati, mentre il futuro rossonero Mexes è infortunato.
Per cui pochi dubbi per l’allenatore romanista.
In porta Doni, recuperato proprio dall’ aereoplanino dopo un periodo difficile.
La difesa, rigorosamente a 4, vedrà Cassetti e Riise ad agire lateralmente, mentre Juan e Burdisso saranno la coppia centrale.
A completare il modulo 4-2-3-1, ci saranno Brighi e Pizarro davanti alla difesa.
Le ali offensive, dietro alla punta, saranno Taddei sulla destra e Vucinic a sinistra.
La punta sarà Francesco Totti, appena arrivato a 206 reti in serie A, superando un mito come Totti.
L’unico dubbio riguarda l’uomo dietro alla punta. Stando alla logica e alle indiscrezioni sarà Simplicio a sostituire Perrotta in quel ruolo. Tuttavia rimane l’opzione Menez, che permetterebbe a Montella di giocare una partita più offensiva.

Veniamo ad Allegri.
Un Allegri che dovrà gestire anche l’appuntamento importante di martedì.
Molti nell’ambiente rossonero (tifosi e opinionisti) vorrebbero che alcuni dei big apparsi più stanchi, riposassero, proprio in vista della semifinale di ritorno.
E questi giocatori sono Nesta, Zambrotta e Boateng. I primi due sempre alle prese con infortuni e recuperi lunghi ed il terzo alle prese con un periodo di evidente scarsa forma, che l’ha portato a giocare piuttosto male nelle ultime gare.
Tuttavia l’impressione è che Allegri punterà ancora sui suoi fedelissimi per cercare quest’ultimo punto, puntando sulla galvanizzazione per la conquista del titolo, che sarà da stimolo in quel di Palermo.
Per cui, il 4-3-1-2 vedrà:
Abbiati in porta;
la difesa formata da Abate, Nesta, Thiago Silva e Zambrotta;
i dubbi maggiori sono a centrocampo: Gattuso sta recuperando, ma è ancora in forse. Se ce la fa, allora sarà lui ad agire sulla destra con Van Bommel e Seedorf al suo fianco. Altrimenti sono pronti Flamini e Ambrosini per prendere il suo posto.
Boateng sarà il trequartista;
Davanti ritorna Ibra. Al suo fianco dubbio a due: Robinho o Pato. Pato arriva da un infortunio e rischiarlo sarebbe stupido. Il favorito appare dunque ancora una volta Robinho.

Non servono altre parole.
Siamo tutti in fermento… manca poco!
Forza Ragazzi!!!

MD in all World's language
 
MD in your language
MD em sua língua
MD dans ta langue
MD en su lengua
MD in Ihrer Sprache
MD 在您的語言
MD in uw taal
MD στη γλώσσα σας
あなたの言語の MD
당신의 언어에 있는 MD
MD в вашем языке
MD i ditt språk

Pubblicitá
 
MD Network
 


MD on YouTube
Grazie della visita
 
 
Oggi ci sono stati già 12 visitatori (44 hits) qui!
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=