“ARBEIT MACHT FREI“
Succede a volte che mentre vai in stampa accadono cose che ti fanno cambiare le priorità. Non vuole e non può essere così stavolta perché da giorni ho deciso che vi avrei preso per mano ed accompagnati altrove, fuori dalle miserie di questo paese , in un viaggio che avete la facoltà di criticare ma non di rifiutare. Un po’ perché queste ore stanno in mezzo ad una ondata di partite ( turno infrasettimanale serale ad inizio febbraio: geniale, metà partite a rischio e si continua a non giocare ad agosto di sera!) e tanto anche perché i temi della domenica sapevano di vecchio. La fuga piena di rabbia e sudore del Milan, lo scippo pieno di “fattore C” dell’Inter, lo sfortunato e consueto suicido del Palermo, tanto, tanto, tanto Cavani. Rimandiamo alla prossima puntata. E sicuro di questo stavo per prendere l’aereo (capirete poi …) , quando mi piove addosso una gradinata che non posso non commentare.

Un vecchio adagio racconta che in alcuni casi della vita (volgarmente sotto la cintola) per non sentire troppo male è meglio stare fermi. Metaforicamente ma realisticamente: possono una società in confusione , un presidente che non conosce il mestiere ed un allenatore di quartiere sedersi finalmente ad un tavolo e pensare di recuperare infortunati, umore e temperamento a stare fermi? Oppure è obbligatorio farsi altro male acquistando in 15 giorni Luca Toni ( inservibile ed invendibile), Barzagli ( modesto e vecchio) ed addirittura Matri, 26 anni, nessuna esperienza, non una punta centrale per quasi 20 milioni di euro + ingaggio ? ma si può? Fermateli. Non so chi ma fermateli. E lavorate su un’ idea semplice: riportare a Torino come allenatore Carlo Ancelotti, con potere totale. Esperto , umile, ironico, realista e magari si porta anche dietro qualche giocatore finalmente decente. E magari la Vecchia Signora torna anche tale mandando a quel paese quella parte del suo tifo becero che lo aveva insultare per 2 anni . Chissà …

L’aereo sulla pista non aveva l’aria rassicurante , ma forse solo perché, come sempre Diego soffriva i voli. Usava per vincere la paura un vecchio trucco, come quando non dormiva. Pensava ad una partita di calcio, importante e bellissima e la mente andava via, dove poteva riposare. Così mentre tagliava le nuvole e forse sotto o giù di lì ci stava un pezzo di Germania, pensò veloce : “ ma quali sono le 3 partite che mi hanno più emozionato in vita mia ?” Avrebbe voluto chiedere a Carmine perché di tutta la cordata di 5 “ fuggiaschi” era il più vicino di età , ma stava dormendo ed allora si rispose da solo.

Estate 1970: ITALIA – GERMANIA 4.3 : la partita delle partite, noi sbeffeggiati dai tedeschi perché molli e senza “pelo sullo stomaco” da sempre, vincevamo con tanto pelo e tanto stomaco, godendo nel vedere arrancare i panzer. Alla fine, lì, a terra e senza più sangue Maier, Seeler, il mitico  Beck, Muller. Li abbiamo stesi magari senza usare i mezzi con cui loro avevano steso molti nostri connazionali, qualche decennio prima. Un’altra storia questa … ma sveglia Diego, l’aereo atterra a Cracovia. Ma che ci fanno 5 amici in una tiepida giornata di fine ottobre in Polonia? A questa domanda rispondere anche Piero, anche Lorenzo, anche Daniele. Dopo anni di promesse e con motivazioni e convinzioni anche un po’ diverse i 5 maschietti hanno mantenuto una promessa di una lontana notte d’estate : “AUSCHWITZ”.

La notte che precede la visita al campo di concentramento spedisce nel buio delle camere qualche tormento. C’è voglia , ma anche qualche turbamento, si riposa male. Allora il trucco per l’addormentamento forzato viene esteso al gruppo e si decide di scegliere come pillola da sonno la seconda partita più eccitante della storia . Daniele si fa largo a gomitate e non accetta discussioni: lui, all’epoca dodicenne ma con la casa già piena di amuleti da malato di football tuona. Estate 1982: ITALIA – GERMANIA 3.1 … ma che bel sapore quella sera, campioni del Mondo, campioni del mondo, campioni del mondo ma soprattutto il ghigno cattivo e le lacrime di “bestie umane” come Stilike, come Schumacher … ancora loro a terra grandi e grossi, ancora noi in piedi gracili ( P.Rossi), eleganti (Scirea), veloci ( Tardelli). Ancora noi a sparare palle in rete, mentre forse loro , come spesso han fatto, vorrebbero sparare e basta.

E’ un sabato di inizio novembre quando un rudere di pullman porta Diego, Carmine, Lorenzo, Daniele e Piero, attraverso una coloratissima valle del nord Europa, ad Auschwitz. C’è un buon clima, ma ognuno sa che sta per accadere una cosa che cambierà un po’ la loro vita . non è Italia – Germania ma sembra lo stesso di andare verso un luogo da conquistare. Quando a passo lento, in un silenzio inaspettato, si passa sotto la scritta più importante di sempre ( Arbeit Macht Frei ) , i brividi che senti salire hanno una sottile parentela con il gol di Tardelli in Spagna: ogni volta ti emozioni di più. Scorre lenta la mattina, i luoghi sono talmente ben tenuti da dare quasi fastidio. Ogni edificio ha un senso o forse un “ non senso”. Poi la visita passa davanti ad una fila di edifici, ognuno è la prigione di un paese, di un popolo … Polonia, Ungheria, Russia, Italia …. Come un villaggio olimpico , popolato da fantasmi a cui la vita ha chiesto di giocare una partita che si poteva solo perdere. Qualche goccia di pioggia bagna l’ultimo pezzo. Meno male , perché quando un’ala del lager propone un’immensa stanza piena di foto, scarpine, vestitini di bimbi trucidati dalla follia tedesca, le lacrime scendono facili ed è giusto che la pioggia le cancelli subito. Anche dai nostri volti, anche da chi, fra i cinque amici, nella vita quotidiana interpreta il ruolo, del duro senza esserlo per davvero. Lorenzo non regge la visita e si perde spesso per i resti del campo, Carmine prova a fare qualche commento ma si accorge che sarebbe banale parlare, Daniele e Piero, come sempre, nascondono bene la maschera. E Diego, che tanto aveva atteso quegli attimi, si incammina rapido, ripassa sotto la “linea della porta”, traduce la ferale scritta: “ Il lavoro rende liberi” , toglie per un attimo la crudezza di quella originale. Più volte si girano indietro e forse, senza dirselo, a tutti sembra di vedere alcuni uomini in calzoncini corti, sorridere. Sembra di vedere … Bonisegna, Burnich, Riva, Rivera … P.Rossi, Tardelli, Altobelli … Grosso, del Piero … sembra di vedere quelli che con mezzi leciti ci hanno vendicato su un campo di calcio, non “ di concentramento “ Sembra di sognare.

C’è il silenzio totale che accompagna il ritorno, ci sono gli sguardi convinti e poi la notte, ancora una volta, per dormire ed i 5 amici vorrebbero la terza partita per aiutarsi e per avviarsi ad un sonno lieve. La sceglie Pero e non c’erano dubbi : DORTMUND (GERMANIA) – ITALIA 0.2. e voltandosi indietro nel buio di quelle stanze, come nella piccola strada del campo della morte … non c’è Riva che in diagonale vince, non c’è Rivera che di piatto vince,non c’è Tardelli che urla e vince, non c’è Grosso che esagera e vince.

No. Stavolta ci sono i milioni di eroi , ci sono quei bimbi; stavolta ci siamo noi che siamo andati a vedere,  perché qualcuno, fra un po’ e come sempre, non ci racconti che non è successo nulla
MD in all World's language
 
MD in your language
MD em sua língua
MD dans ta langue
MD en su lengua
MD in Ihrer Sprache
MD 在您的語言
MD in uw taal
MD στη γλώσσα σας
あなたの言語の MD
당신의 언어에 있는 MD
MD в вашем языке
MD i ditt språk

Pubblicitá
 
MD Network
 


MD on YouTube
Grazie della visita
 
 
Oggi ci sono stati già 11 visitatori (18 hits) qui!
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=